Omicidio nella notte a Ponticelli, quartiere periferico di Napoli. La vittima dell’agguato è il 35enne Gennaro Matteo. L’uomo era originario di Cercola, comune situato in provincia di Napoli, ma abitava a Portici ed era pregiudicato per alcuni reati.

In passato il 35enne era stato arrestato in possesso di armi

Il giovane Gennaro Matteo è stato raggiunto da una decina di colpi di pistola. I tentativi da parte dei sanitari di salvarlo sono stati del tutto inutili: il 35enne è deceduto poco dopo il ricovero all’Ospedale del Mare.

Stando alle prime ricostruzioni degli investigatori, l’uomo, che nel 2015 era stato arrestato in possesso di armi, non ricoprirebbe ruoli di vertice nei clan operanti a Napoli Est ma la sua morte potrebbe essere collegata alla faida di camorra fra i De Luca Bossa – Minichini e i De Micco – De Martino. Una guerra che nei mesi scorsi ha provocato raid intimidatori e ordigni esplosi fra vetture in sosta.

E che hanno generato paura e insicurezza per l’incolumità dei residenti del posto. Se l’ipotesi legata all’agguato di camorra fosse confermato, resterebbe chiaro a tutti come l’instabilità dei clan partenopei (il cosiddetto “tutti contro tutti”) non risparmi nessuno.

continua a leggere su Teleclubitalia.it