tony giuseppe cardito

Il caso del piccolo Giuseppe, ucciso dal compagno della madre a Cardito è divenuto a distanza di qualche settimana ancora più grave di quanto non lo fosse all’inizio di questa triste vicenda. Ora emergono nuovi particolari raccontati dalla sorellina di Giuseppe durante Chi l’ha visto.

Durante la puntata vengono mandate in onda anche le parole della piccola Noemi: “Io lo dicevo alle maestre che Tony ci metteva sotto l’acqua e dentro il ces**. Mamma era con me, ma non faceva niente. Finalmente me ne vado da quella casa”.  La piccola Noemi dopo la tragedia infatti è stata portata via da quell’inferno. Anche lei rimase ferita nella furia di Tony Essobti Badre che con una scopa massacrò di botte il piccolo Giuseppe.

LEGGI ANCHE: Cardito, arrestata anche la mamma di Giuseppe: “Ha lasciato che Tony massacrasse di botte i figli”

A sapere però delle violenze non era solo la madre ma anche la scuola, le insegnanti che non avrebbero fatto nulla per impedire la tragedia, nonostante il bambino e la sorella mostrassero ogni giorno lividi ed ecchimosi. In un’intercettazione le maestre raccontano della violenza subita dai bambini e di una nota inviata alla preside.

“Piangeva e perdeva sangue dalla testa. Ho provato a difenderli, ma Tony mi ha allontanato con un morso”, racconta nella deposizione la mamma.  “Non è vero, ha ricevuto il morso perché inavvertitamente aveva colpito il suo piede nudo. E poi non ha chiamato l’ambulanza. Forse avrebbe potuto salvarlo”, spiega in studio la conduttrice Federica Sciarelli.

Le insegnanti, infatti, sapevano e avevano inviato nove giorni prima della tragedia una nota alla dirigente della scuola, una segnalazione che si è rivelata tardiva e incompleta. “Il padre dei bambini è sparito. Era il compagno che li picchiava. Giuseppe non parlava, si buttava a terra e io gli dicevo scimmiottella. E lui scimmia no”, dice una delle maestre in un’intercettazione poco dopo l’omicidio.

Napoli. Cosa rischia in carcere Tony. Pietro Ioia: “Bastano le mani per compiere la vendetta”

continua a leggere su Teleclubitalia.it