In questa settimana abbiamo più volte trattato il tema delle luci di Natale a Napoli. Come la penso l’ho detto in tv: tanto di cappello alla Camera di Commercio che ha fortemente voluto queste istallazioni, un invito però a fare meglio. In alcuni casi la qualità degli allestimenti non è in linea con la superba bellezza dei luoghi che li ospitano.

Le luci e le polemiche a Napoli, la ZTL che manca a Giugliano

Il merito più grande e forse più rivoluzionario di Ciro Fiola (presidente della Camera di Commercio) è quello di aver voluto addobbi in centro come in periferia. Un altro punto a favore è la tempistica: finalmente Napoli sarà illuminata con largo anticipo e speriamo che ciò avvenga anche in provincia.

Non sembra matura, in questa come in altre questioni, la politica. Quando si è in opposizione si usano queste spese per fomentare la pancia delle persone: “Perché non li spendono per questo o per quello”. Una visione miope che è assolutamente legittima per un cittadino arrabbiato ma inopportuna per chi mastica politica e conti pubblici.

Illuminare una città e farlo come si deve è un investimento per dare più attrattiva aIle città e spingere il commercio massacrato dai centri commerciali. Anche a Giugliano avremmo delle luci. Sono stati stanziati per varie attività natalizie 165mila euro, una cifra modesta come modesti sono i fondi della città per tante cose.

Napoli ne spende due milioni, Salerno molti di più, Giugliano, che dovrebbe essere al terzo posto tra le città campane, molti di meno. Il tema vero però non è questo: a Giugliano il commercio è alla canna del gas. Il perché è molto semplice: siamo l’unica “città” che non ha un metro di ZTL. Negli ultimi anni non abbiamo creato ciò che esiste ovunque, ad Aversa come a Caserta, a Salerno come a Napoli. Un centro commerciale naturale al centro della città.

Siamo andati contro lo spirito del tempo che vuole i centri pedonali e dotati di parcheggi almeno nel week end. Lo stesso nostro Corso Campano, senza stalli di sosta, è una strada pensata per essere spesso e volentieri pedonale.

Per anni l’opposizione ha criticato Poziello per aver speso troppo per feste, non mi pare che stiano spendendo tanto di meno.

Il vero banco di prova però non sarà questo ma la capacità di dare alla città una ZTL. Di rendere anche Giugliano un luogo dove è piacevole fare una passeggiata. Una ZTL non imposta ma ragionata, coltivata, aiutata a crescere e in grado di offrire qualcosa a chi la sceglierà per fare due passi, per fare acquisti o anche semplicemente per godersi la città.

continua a leggere su Teleclubitalia.it