Giugliano. Dopo le polemiche susseguitesi in questi giorni, sono state installate le transenne a piazza Gramsci, salotto buono della città. Una decisione, quella del sindaco Nicola Pirozzi, per evitare che in un’area pedonale i motocicli possano transitarvi e dare luogo a scorribande.

Giugliano, scorribande in scooter: installate le transenne in piazza Gramsci

Ad annunciarlo è stato il primo cittadino attraverso un lungo post su Facebook. “Siamo stati costretti a installare le transenne perché proprio non siamo riusciti a comprendere che quella piazza pedonale non si poteva attraversare coi motocicli. Una regola elementare del vivere civile. Possiamo dire almeno in questo caso la verità?”, scrive Pirozzi.

“Ovviamente, parte della politica ha speculato, espressione di un livellamento verso il basso del dibattito. I motocicli attraversano la piazza pedonale e la colpa è del sindaco. Va bene. È colpa mia. Ma una valutazione un po’ più seria qui la si può fare oppure no? Se siamo costretti ad installare transenne rendendo anche più brutta la piazza, sarà mai un problema innanzitutto di civiltà di una minoranza che si lamenta ma fa di tutto per tenere questo territorio nel degrado?“, aggiunge il primo cittadino.

Ogni sera, infatti, si assistono a scene di inciviltà. Scooter con a bordo giovanissimi che scorrazzano in piazza, disturbando la quiete pubblica, o addirittura che la attraversano per poi immettersi in via Roma anziché procedervi intorno.

“Mi assumo la parte di mia responsabilità, ripeto, per quello che non saprò fare e a fine mandato tireremo le somme, ma posso chiedere la collaborazione dei residenti, consapevoli che questa città migliora immediatamente se ogni giorno scegliamo di comportarci bene?”, si legge ancora nel lungo post del sindaco di Giugliano.

“E’ assurdo: realizziamo un parco giochi, lo ritroviamo devastato ogni settimana e la colpa sarà sempre del sindaco perché non controlla, perché non sostituisce la giostra danneggiata ogni sette giorni. Uno schema che va bene magari alla cattiva politica. Che su questa mentalità costruisce fortune. Ma non andrà bene e non va bene a chi come noi è interessato a migliorare la vivibilità di questo territorio e a nient’altro”, scrive ancora il primo cittadino.

La polemica

A puntare il dito contro l’amministrazione Pirozzi per l’assenza di controlli a piazza Gramsci era stato Luigi Sequino, consigliere di minoranza. A inizio settembre, infatti, l’esponente di minoranza aveva pubblicato sui suoi canali social diversi video che mostrano scorribande in scooter fino a tarda notte, chiedendo anche la piazza venisse recintata per contrastare il fenomeno. Dopo l’intervento di ieri mattina, Sequino parla di “un primo passo in avanti” e si dice “contento che il sindaco abbia finalmente accettato una proposta”. 

continua a leggere su Teleclubitalia.it