Giugliano. Continuano a crescere i casi nell’area giuglianese. Un aumento preoccupante che va in controtendenza con il dato nazionale. A Giugliano il numero è arrivato a 42 (con un decesso), anche se una decina attendono i tamponi per verificare la guarigione. Al momento solo una persona sarebbe ricoverata in ospedale. Si sono registrati però 10 positivi in 3 giorni, 5 in più solo nelle giornata di ieri. Casi isolati e non avvenuti in ambito familiare. Numeri che potrebbero essere collegati pure all’aumento dei tamponi, ma tra le strade giuglianesi e dei comuni limitrofi si riscontra un aumento delle persone tra le strade.

GIUGLIANO, TROPPE PERSONE IN STRADA

La Polizia Municipale di Giugliano controlla in media circa 250 persone al giorno, c’è chi va a fare la spesa anche 3 volte al giorno. I controlli dei vigili proseguono senza sosta, sia a piedi che ai veicoli oppure alle attività commerciali aperte. Difficoltà si registrano ancora agli uffici postali. La sensazione generale è quindi che i cittadini abbiano abbassato l’attenzione, come conferma la comandante Maria Rosaria Petrillo. “Registriamo un ritorno elevato delle persone in strada dopo il comportamento esemplare della maggior parte dei cittadini nelle ultime settimane”, dice l’ufficiale che guida i caschi bianchi giuglianesi.

Un errore grave in una settimana decisiva e l’amministrazione comunale non esclude ulteriori contromisure per fermare i contagi. In questo modo c’è il rischio che si allunghino i tempi della quarantena a causa di comportamenti irresponsabili.  Ieri al Comune si è riunita la task force con il commissario Umberto Cimmino, le forze dell’ordine e la protezione civile impegnai dall’inizio dell’epidemia di Covid19 nel centro operativo comunale. Sono allo studio altre misure per mantenere alta l’attenzione sul distanziamento sociale. Resta alta l’allerta anche in vista dei giorni di Pasqua. Tutte le forze dell’ordine stanno intensificando i controlli insieme all’Esercito.

Aumentano i contagi da Covid-19 anche in tutti gli altri comuni limitrofi (calcolando i positivi da inizio emergenza compresi deceduti e guariti): Villaricca 17; Calvizzano 5; Mugnano 16; Marano 27; Qualiano 11; Melito 9; Sant’Antimo 14.  Troppe le persone che si sono ritornate a vedere in strada dopo due settimane di lockdown.

continua a leggere su Teleclubitalia.it