Una bolletta di circa un milione di euro, quasi dieci volte superiore a quella pagata, nello stesso periodo, nel 2021. A denunciarlo è Francesco Franzese, amministratore delegato della Fiammante, storica azienda napoletana di conserve di pomodoro con sede a Buccino, in provincia di Salerno. 

Caro-gas, bolletta da un milione di euro a La Fiammante

“Mentre i nostri politici litigano per una poltrona calda, gli imprenditori sono lasciati soli in mezzo alla giungla energetica”, scrive Franzese, pubblicando sul proprio profilo social due bollette relative a luglio 2021 e luglio 2022. 

“Per lavorare 15 giorni di luglio, mi tocca pagare una bolletta di gas di 978.000,00 a fronte di circa 120.000 dello scorso anno (per 20 giorni di lavoro). Non era meglio andare al mare?”, aggiunge il ceo de La Fiammante. 

Cosa ci aspetta in autunno

Nonostante le misure anti-rincari varate dal Governo, gli aumenti nelle bollette di luce e gas continuano a gravare su famiglie e imprese. Con l’autunno in arrivo si teme una nuova stangata per tutti: i prezzi dell’energia sarebbero infatti destinati a raddoppiare, se dovesse restare una media prezzi attorno ai 180 euro come avvenuto a luglio. A lanciare l’allarme è ARERA, l’autorità italiana dell’energia, che in un documento inviato a Parlamento e Governo parla di “fortissimo rischio di dover fare i conti con aumenti senza precedenti dei prezzi al dettaglio che si rifletteranno sulla spesa in bolletta dei consumatori finali”. 

La mancanza di interventi decisivi sul sistema energetico potrebbe provocare inevitabilmente un incremento di oltre il 100% del costo di luce e e gas rispetto al trimestre in corso. Stando a quanto rivelato dall’Autorità, la proroga delle agevolazioni previste dal Governo servirà soltanto a mitigare, in minima parte, gli aumenti. 

continua a leggere su Teleclubitalia.it