antonio sciuta sicilia

È tutt’ora ricercato in tutta Italia il presunto omicida di Vanessa Zappalà, la 26enne siciliana uccisa la scorsa notte sul lungomare di Aci Trezza a colpi di pistola dal suo ex compagno. Si parla di una tragedia annunciata perchè la giovane aveva già denunciato il suo stalker che aveva un divieto di allontanamento nei suoi confronti. Anche le amiche l’avevano messa in guardia “Vanessa stai attenta, ho paura”, “Guarda che si apposta sotto casa”. Ma lei si sentiva tranquilla: “Non mi fa niente è solo geloso”.

La giovane di 26 anni è stata uccisa mentre era a passeggio con gli amici nei pressi del porticciolo. I carabinieri hanno avviato immediatamente le indagini e tutti gli indizi portato ad un’unica pista: l’ex compagno.

È caccia all’uomo

Alcuni amici hanno raccontato ai militari dell’arma di aver visto il ragazzo avvicinarsi, litigare con Vanessa e poi puntare l’arma verso di lei esplodendo più colpi, tra cui quello fatale che ha raggiunto la 26enne alla testa. 

I carabinieri e la polizia, impegnati nella caccia all’uomo, hanno istituto posti di blocco a San Giovanni La Punta, dove l’uomo vive e lavora in una concessionaria d’auto, ma anche nei paesi circostanti. Ricerche che poi in tarda mattinata sono state estese fino alla Calabria: il sospetto è che l’ex fidanzato di Vanessa si sia allontanato dalla Sicilia utilizzando un’automobile non sua.

L’ex fidanzato ricercato dai militari si chiama Antonino Sciuto ed ha 38 anni: l’identità è stata resa nota dai carabinieri per favorire la sua cattura.

continua a leggere su Teleclubitalia.it