Il canone Rai potrebbe sparire a breve dalla bolletta elettrica. Il Governo Draghi intese infatti mantenere l’impegno preso con l’Ue, nell’ambito del Recovery Plan, relativo alla cancellazione degli “oneri impropri” dai costi dell’energia.

Il Canore Rai uscirà dalla bolletta elettrica: “E’ un onere improprio”

La norma potrebbe essere inclusa nel disegno di legge sulla concorrenza, che dovrebbe approdare in Consiglio dei ministri giovedì. Al momento la tassa per sostenere la tv pubblica ammonta a 9 euro al mese per 10 mesi.

La misura fu introdotta nella bolletta dall’ex premier Matteo Renzi con la Legge di Stabilità per combattere l’evasione e ha permesso così di abbassare il costo dell’abbonamento al servizio televisivo. Prima della riforma il canone Rai costava 113 euro. Secondo l’accordo firmato con Bruxelles, comunque, l’approvazione in Cdm dovrà avvenire entro luglio 2021 ma c’è tempo fino a dicembre 2022 per la sua adozione definitiva.

continua a leggere su Teleclubitalia.it