Napoli. Calci e pugni contro un’ambulanza, con a bordo i membri dell’equipaggio e un paziente da trasferire in ospedale. E’ successo a Pianura, quartiere della periferia occidentale di Napoli.

A denunciare l’ennesima aggressione ai danni del personale sanitario è l’associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate”, che su Facebook ha raccontato quanto è accaduto oggi pomeriggio.

Napoli. “Fammi passare, ho fretta”: conducente prende a calci e pugni un’ambulanza con paziente a bordo

Stando a quanto racconta l’associazione, la postazione 118 India di Pietravalle, dopo essere intervenuta in via Luigi Santamaria per un paziente in codice giallo, ha incrociato una vettura in una stradina: il conducente della vettura pretendeva che i sanitari gli dessero la precedenza perché “aveva fretta”.

A quel punto la situazione è degenerata. L’uomo alla guida dell’auto è sceso dall’abitacolo e si è avvicinato all’ambulanza: prima ha insultato il personale sanitario e poi ha cominciato a scagliarsi contro il mezzo di soccorso, dando calci e pugni.

I soccorritori hanno dunque chiuso finestrini e sicure delle portiere per evitare che l’uomo potesse entrarvi all’interno e far del male loro e al paziente. Ingenti i danni riportati alla carrozzeria.

“Nelle zone di guerra la croce rossa dipinta sulle ambulanze evitava qualsiasi tipo di rappresaglia… Ed i guerriglieri di entrambe le fazioni avevano profondo rispetto per gli ammalati e i feriti, questo da noi non succede!” ha dichiarato il dottor Manuel Ruggiero, presidente dell’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it