arzano ferrari comunione

Il boss in Ferrari alla comunione del figlio. Succede domenica scorsa ad Arzano. Protagonista è Pasquale Cristiano indagato dalla magistratura come boss del clan degli Amato-Pagano e citato nell’ultima ordinanza di custodia cautelare che ha portato in carcere 31 persone a Melito.

Da un anno agli arresti domiciliari, Cristiano in occasione della comunione del figlio avrebbe usufruito di un permesso per partecipare alla celebrazione in chiesa.

L’uscita, però, a quanto si apprende dai video pubblicati dagli stessi protagonisti sui social, sarebbe stata anche l’occasione per lanciare un messaggio di potere al territorio.

Sfilata in città per la comunione

Per oltre mezz’ora si è infatti fatto notare tra le strade della cittadina alla guida di una Ferrari cabriolet in corteo con una Lamborghini guidata dal presunto capo zona di Frattamaggiore e accompagnato da altre auto di grossa cilindrata. Per agevolare il passaggio del corteo, i guardaspalle avrebbero addirittura bloccato gli incroci e fermato il normale traffico veicolare.

L’episodio è stato denunciato dal senatore Sandro Ruotolo e dal presidente del Pd Metropolitano di Napoli Paolo Mancuso.

“Nonostante gli sforzi dello Stato di ripristinare la legalità – scrive il senatore – la camorra lancia segnali pericolosi alla cittadinanza”. Per Ruotolo: “ La pressione investigativa ha portato a importanti risultati ma purtroppo c’è da constatare come il radicamento e la riproducibilità criminale fanno di Arzano un caso nazionale”.

Il comune – attualmente commissariato – è stato sciolto per infiltrazioni della camorra per ben 3 volte negli ultimi dieci anni. Recentemente – ha ricordato – ci sono state scritte con messaggi della camorra apparse sui muri della 167 e sia il commissario prefettizio, che il segretario comunale e il capo dei vigili urbani sono stati oggetto di pesanti minacce di morte.

La preoccupazione è che un pesante condizionamento malavitoso possa esserci anche nelle prossime elezioni amministrative che dovrebbero tenersi nel mese di ottobre.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it