L’unico spazio verde libero a ridosso del mare di Varcaturo passa nelle mani di un privato. Spiaggia di Castel Volturno, oltre la vecchia foce del Lago Patria (quella disegnata da madre natura) siamo invece in territorio di Giugliano. Questo fino a poche settimane fa era di proprietà demaniale. A marzo la Regione ha deciso però di pubblicare un’asta che si è conclusa con l’aggiudicazione del 30 aprile: 320mila euro per oltre 300mila metri quadri di terreno con al centro un’abitazione e un deposito. Un vero e proprio affare il titolare di una struttura della zona, unico concorrente in gara.

L’AFFARE DELLA PINETA DI VARCATURO

Una vasta area che comprende anche i 7mila metri quadri del parco degli uccelli, in passato aperto al pubblico ed ora in stato di abbandono. Negli anni scorsi sono stati proposti diversi progetti al Comune di Giugliano, come quello del porticciolo nel canale che collega al lago, poi però non si è fatto nulla. Qui c’è anche un centro per lo sci nautico. Un’area dalle grandi potenzialità insomma che non si è mai riusciti a far decollare per la collettività. Con la proprietà privata, l’amministrazione comunale giuglianese avrebbe quindi voce in capitolo ridotta per decidere il destino della pineta di Varcaturo. E il comune di Giugliano, in questa grande operazione, non sarebbe stato nemmeno interpellato. 

“E’ un atto grave, – commenta il consigliere comunale Luigi Guarino – assurdo che non sia stato chiesto nulla al Comune di Giugliano prima di vendere. Quello è il nostro polmone verde e non possiamo cederlo così. E’ una politica sbagliata di De Luca ed i suoi dirigenti. Chiederò immediatamente al sindaco Pirozzi – aggiunge l’esponente di minoranza – di farsi sentire con la regione per attivare il diritto di prelazione del Comune”.

VIDEO:

continua a leggere su Teleclubitalia.it