denise scalea

Proseguono le indagini sulla scomparsa di Denise Pipitone e una delle piste che si segue in questo momento è quello della ragazza di Scalea.

Su mandato della Procura di Marsala è stato prelevato un campione di dna di Denisa, la ragazza rom residente appunto a Scalea, che secondo alcuni potrebbe essere proprio la bambina scomparsa da Mazara del Vallo il 1° settembre 2004.

Denise, dna alla ragazza di Scalea

Un campione di dna di Denisa è stato prelevato ieri e nei prossimi giorni è atteso il responso del test. Dopo il caso Olesya in Russia, dunque, si segue ora questa pista calabrese.

Nei giorni scorsi a Pomeriggio 5 Denisa si è detta disposta a collaborare con le indagini, ma la ragazza sostiene di essere nata il 4 maggio 2002 in Romania e di essere venuta in Italia all’età di 7 anni. Non avrebbe dunque dubbi sulla sua identità.

Il suo nome è Denisa, ha origini romene e vive a Scalea, cittadina in provincia di Cosenza. Ha i capelli rosa, i tratti italiani e parla con accento meridionale. La donna che ha riscontrato delle somiglianze con Denise Pipitone è una parrucchiera di Scalea che ha inviato un messaggio nel quale racconta di aver riconosciuto la fisionomia della bambina.

Da lì sono partite le indagini. Il nome Denisa ricorda anche quello pronunciato dalla signora alla stazione di Milano. La giovane ha 20 anni proprio come la figlia di Piera Maggio, che oggi avrebbe 20 anni (è nata il 26 ottobre 2000).

Leggi anche: Denise Pipitone, il supertestimone confessa: “La piccola piangeva e chiamava la mamma”

Denise, la confessione dell’autore della lettera anonima: “Non ho parlato per paura”

continua a leggere su Teleclubitalia.it