La situazione epidemiologica in Campania sembra essersi stabilizzata, conseguenza anche dell’efficiente campagna vaccinale. La Regione infatti conta circa l’8% della popolazione che ha già ricevuto entrambe le dosi di vaccino. In collegamento alla trasmissione di TeleClubItalia “Campania Oggi”, il sindaco di Mugnano Luigi Sarnataro, e il primo cittadino di Qualiano, Raffaele De Leonardis, fanno un resoconto della situazione epidemiologica nei loro territori, soffermandosi sull’andamento della campagna vaccinale.

“Abbiamo assistito ad un calo che ci ha portati ad una percentuale in linea con quella regionale”, ha riportato in diretta il sindaco di Mugnano, Luigi Sarnataro. Situazione opposta sta vivendo invece Qualiano. “Da quando siamo passati in zona gialla, i casi sono schizzati e siamo in controtendenza con i dati regionali e nazionali”. Queste le parole del sindaco De Leonardis.

Questa mattina è stato inaugurato un nuovo hub vaccinale a Villaricca. Il primo cittadino di Qualiano, tuttavia, chiarisce la questione su un eventuale secondo hub situato nel distretto di Villaricca due, molto più vicino alla sua cittadinanza. “Facemmo una riunione a fine gennaio, in cui si invitavano tutti i comuni a fornire delle sedi idonee nei propri territori. Già all’epoca l’ASL manifestò la sua volontà di creare un’unico centro per i tre comuni. Noi facemmo capire che bisognava procedere, da un punto di vista geografico, cercando di accorpare il territorio di Villaricca Due con il territorio di Qualiano. Su questo il Direttore Generale continuava a ribadire che non aveva fondi necessari per creare i due hub, e spiegò che stava già lavorando all’hub di Calvizzano”. Queste le sue parole a riguardo. “Proponemmo anche altri due punti per Qualiano, uno nella parrocchia Maria Santissima Immacolata ed un altro nella scuola Benedetto Croce. Il direttore D’Amore ha scelto poi la Tendostruttura di Villaricca, che certamente creerà qualche disagio ai cittadini di Villaricca Due e di Qualiano”, ha poi riportato.

“C’è stata anche una lettera con la quale ho fatto presente che i medici di famiglia del comune si erano resi disponibili a vaccinare gratuitamente presso la scuola Benedetto Croce, ma ci servivano i vaccini per poter proseguire in proprio. Le nostre però erano semplicemente valutazioni di natura geografica per ridurre i disagi ai cittadini, non ci sono divergenze tra noi sindaci al riguardo”. Questo quanto chiarito infine dal sindaco De Leonardis.

All’hub di Mugnano la somministrazione dei vaccini sta procedendo in maniera efficace ed efficiente. “È stata una crescita progressiva, e proprio ieri abbiamo toccato la soglia delle 500 vaccinazioni al giorno. L’hub sta procedendo in maniera veloce ed efficiente. Raramente si creano problemi di assembramento e di file, quindi il sistema sta funzionando abbastanza bene”. Questo il commento del sindaco Sarnataro a riguardo. “Per un paio di giorno l’hub sarà chiuso perché non ci sono i vaccini, stiamo aspettando le dosi e dovremmo ripartire domenica 2 maggio”, ha poi annunciato, aggiungendo scherzosamente: “è un hub che va così speditamente che finisce le dosi subito”.

Il successo del centro vaccinale di Mugnano, così come della campagna vaccinale regionale, è dipeso anche dalla progressiva diminuzione della paura, da parte dei cittadini, di vaccinarsi con le dosi fornite da AstraZeneca. “È la grande libertà del web ma anche una opportunità di divulgazione di fake news. Purtroppo fa sempre più notizia il morto che il numero di persone che non si ammala grazie ai vaccini. Sui social ha poi contribuito anche la diffusione di meme a dare l’idea che ci fossero vaccini di serie A e di serie B, ma i dati ci stanno confermando che non è così nella realtà”, ha sostenuto il sindaco Sarnataro proprio in riferimento alla cattiva pubblicità fatta al vaccino dai media.

Nonostante la situazione epidemiologica discretamente stabile, i contagi all’interno delle scuole sembrano rendere la ripresa della didattica in presenza alquanto critica. “Ho dovuto chiudere il complesso di Qualiano perché c’erano una serie di ripetuti contagi, e i plessi necessitavano di una normativa specifica”. Questa la situazione riportata a Campania Oggi dal sindaco De Leonardis. “Intendo chiarire che il Decreto Legge ha tolto la facoltà ai sindaci di chiudere le scuole se non sotto ordinanza dell’ASL”, ha poi specificato il primo cittadino, aggiungendo che “bisogna imparare oggi a gestire la situazione senza incolpare sindaci, dirigenti o ASL”.
“La situazione non è molto differente da quella di Qualiano”, ha dichiarato successivamente il sindaco Sarnataro. “Proprio oggi ho convocato l’unità di crisi per valutare la situazione. Stiamo riscontrando un pò troppa presenza nelle piazze e fuori dagli istituti scolastici. Valuteremo dunque se chiudere le piazze o prendere misure più drastiche. Soprattutto nei nostri territori, che secondo me non sono da zona gialla, bisogna mantenere prudenza”, ha concluso.

ha collaborato Anna Maria Di Nunzio

 

>>> RIVEDI LA PUNTATA <<<

continua a leggere su Teleclubitalia.it