reddito di emergenza pagamenti

Sono già 390mila le domande inviate per il reddito di emergenza che con il decreto Sostegni è stato previsto per altri 3 mesi.

Le richieste devono essere inviate all’Inps entro il 30 aprile, ma nel Decreto Imprese che dovrebbe essere pubblicato per la stessa data, sarebbe già pronto un nuovo prolungamento del Reddito di Emergenza che fu introdotto lo scorso anno durante la pandemia.

Reddito di Emergenza

La Circolare attuativa INPS n. 1378 del 1° aprile 2021, rende operative le disposizioni del DL Sostegni. Ai nuclei familiari in condizioni di difficoltà in conseguenza dell’emergenza COVID, saranno riconosciute, a domanda, ulteriori 3 mensilità di Reddito di Emergenza (marzo, aprile e maggio).

È dunque scartato l’automatismo delle 3 nuove quote INPS per chi ha già percepito il beneficio in passato. Tutti dovranno inoltrare domanda online all’Istituto previdenziale accedendo al sito web ufficiale con il proprio SPID, oppure avvalendosi degli intermediari abilitati, ad es. patronati o CAF.

I requisiti

Il Reddito di Emergenza si rivolge al nucleo familiare e non al singolo componente. Per ottenerlo questi sono i requisiti:

  • Il richiedente il REM deve essere regolarmente residente in Italia al momento di presentazione della domanda,
  • Il reddito familiare, riferito al mese di febbraio 2021 deve avere un valore inferiore a quanto teoricamente il nucleo familiare percepirebbe di REM ogni mese. Per i nuclei che vivono in affitto, questa soglia è incrementata di un dodicesimo del canone annuo di locazione,
  • Il patrimonio mobiliare familiare, con riferimento al 2020, deve avere un valore inferiore a 10 milaEuro. Soglia elevata di 5.000 Euro per ogni componente successivo al primo e fino a un massimo di 20 mila Euro. Soglie e massimale sono incrementati di 5.000 Euro per ogni componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza,
  • Il valore Isee, attesta dalla DSU in corso di validità al momento della domanda, inferiore a 15 mila Euro.

La quota minima mensile è pari a 400 Euro che può arrivare fino al valore massimo di 800 euro per il nucleo composto da tre adulti e due minori. Aumenta se in famiglia ci sono componenti in condizione di disabilità grave o non autosufficienti.

Quando arrivano i pagamenti del reddito di emergenza

Secondo quanto annunciato in un Tweet dell’8 aprile dall’INPS, la prima mensilità riferita al mese di marzo 2021, sarà erogata a partire dalla metà di maggio, e nelle settimane successive.

Il Reddito di Emergenza viene accreditato dall’INPS sul conto corrente mediante bonifico bancario o postale, indicato al momento della richiesta.

Leggi anche: Reddito di emergenza, arrivano le istruzioni dell’Inps. Domanda anche per percettori di Naspi

continua a leggere su Teleclubitalia.it