“Il nostro principale obiettivo è di aiutare a far crescere i nostri giovani leoni come ottimi atleti e uomini eccellenti. Molti di loro li ho allenati che erano poco più che bambini ed oggi li ritrovo quasi adulti, e per me rappresenta qualcosa di magico”. Queste le prime parole di Andrea Scotti Galletta, presidente della Expert Napoli Lions, alla vigilia dell’inizio del campionato giovanile under 20.

“Inutile negare la mia emozione – aggiunge – in questa settimana non debutta solo la squadra under 20, ma c’è anche il mio esordio in una veste, per me del tutto insolita. E’ un sogno cominciato sei mesi fa a cui ogni giorno si aggiunge un piccolo tassello”.

“Se non credessi fermamente, con i miei soci e con il mister Dario Gulemì, all’importanza dello sport, non avrei ottenuto il sostegno di imprenditori campani che hanno sostenuto con coraggio il nostro progetto. Sono grato a Mirko Melella (Melella Group), Stefano Ippolito (GLS Napoli,) Antonio Simeoli (Serapide Trans), Alessandro Di Mauro (Barbara B), Giancarlo Bosso (B-Personal), Anna Borriello (La Fattoria del Parco), Gianluigi Scognamiglio (Centro diagnostico Ninni Scognamiglio) ed in particolar modo a Massimo Pede (Expert Napoli), nostro title sponsor ufficiale.

“Ho accolto con interesse la proposta della ‘Water Sports Napoli Lions’, di diventare, con il mio marchio, title sponsor delle loro squadre”, ha evidenziato Pede.

“Dopo l’esperienza con il Napoli Femminile, di cui siamo back jersey, ho vissuto l’entrata nel mondo della pallanuoto come una nuova ed entusiasmante avventura sportiva che punta soprattutto sui giovanissimi. Ritengo che un imprenditore dovrebbe mettere al servizio di altre realtà la propria capacità di ‘fare impresa’. Per questo motivo – ha sottolineato il leader di Expert Napoli – ho deciso di impegnarmi con il mio gruppo proprio per aiutare gli adolescenti a praticare lo sport che amano, perché la disciplina sportiva li aiuterà anche per il loro futuro. I Lions mi hanno da subito chiarito che il loro scopo è quello di sostenere i valori dello sport, non soltanto in senso agonistico. So che hanno in serbo progetti indirizzati al sociale, per cui, chissà, che non possa nascere una collaborazione attiva anche sotto questo aspetto – conclude Pede -, che mi vede da sempre sensibile ed attento”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it