Per circa dieci anni si sarebbe appropriato, con diversi bonifici eseguiti dal conto corrente della zia diversamente abile, di gran parte dei suoi averi. E così, su disposizione della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, i finanzieri di Salerno hanno eseguito un decreto di sequestro e confisca nei confronti del nipote-amministratore di sostegno.

Salerno, svuota conto corrente della zia disabile: rubati 240mila euro

Negli anni dal 2010 al 2018, le fiamme gialle hanno ricostruito i ripetuti prelevamenti dell’uomo, dagli importi notevoli. Il nipote, un 59enne di Salerno, si sarebbe impossessato del denaro della donna senza darne alcuna comunicazione al giudice tutelare, verso il quale aveva invece l’obbligo di rendicontare tutte le operazioni inerenti all’amministrazione patrimoniale svolta.

Le indagini dei finanzieri sono partiti da una denuncia dei cugini dell’ amministratore di sostegno, che, alla morte dalla zia, hanno ricevuto una eredità di scarsa consistenza. Tra il 2010 ed il 2018 , il 59 enne avrebbe prelevato in tre mesi 60 mila euro dal conto corrente delle zia ed effettuato un bonifico di 90 mila euro. Al termine degli accertamenti, i finanzieri hanno sequestrato al 59enne 240mila euro in beni.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it