capri faraglioni datteri

Hanno distrutto interi tratti di scogliera campana per raccogliere datteri: 19 misure cautelari con l’accusa di devastazione ambientale.

Nell’ambito di un’inchiesta diretta dalla Procura di Napoli, la Guardia di Finanza – Reparto Operativo Aeronavale di Napoli ha disvelato l’esistenza di due sodalizi criminali, dediti, con modalità organizzate e professionali, alla raccolta indiscriminata di datteri di mare nel golfo partenopeo.

La specie marina è protetta da diverse convenzioni internazionali e direttive comunitarie, ed anche a livello nazionale il divieto di cattura, detenzione e commercializzazione risale all’anno 1988. La speciale tutela è giustificata dal grave ed irreparabile danno che subisce la scogliera e l’ecosistema sottomarino a seguito della frantumazione necessaria ad estrarre i pregiati molluschi, i quali necessitano di almeno 30 anni per incunearsi nella roccia calcarea e raggiungere, così, una misura idonea alla collocazione commerciale.

Devastati Faraglioni di Capri per raccogliere datteri

Le indagini sono durate oltre tre anni e hanno disvelato l’esistenza di un vasto mercato illecito avente ad oggetto la specie protetta, con le due organizzazioni che avevano stabilito un vero e proprio rapporto di mutua assistenza per procacciare il prodotto ittico, specie nei periodi di maggiore domanda, quasi sempre in coincidenza delle festività natalizie e pasquali, quando per un chilo di datteri gli acquirenti erano disposti a pagare fino a 200 €.

Gli appartenenti ai due gruppi delinquenziali si dedicavano, in maniera costante ed abitudinaria, sia al prelievo dei ‘datteri di mare’, catturati mediante la contestuale distruzione di interi tratti di scogliera campana, che alla successiva commercializzazione degli stessi presso numerosi ristoranti e pescherie della regione, nonché presso una variegata clientela, composta anche da esponenti di famiglie malavitose napoletane. Sono, in particolare, oltre 100 i soggetti, individuati nel corso delle indagini, a vario titolo operanti nell’ambito del ‘mercato nero’ del dattero di mare.

Gli arresti

Nelle conversazioni intercettate, viene spesso utilizzato un codice segreto per evitare il riferimento esplicito alla specie protetta, nella piena consapevolezza della illiceità del relativo commercio. I reati contestati sono associazione a delinquere aggravata perché finalizzata alla consumazione di delitti ambientali, inquinamento e disastro ambientale, danneggiamento e ricettazione.

Leggi anche: Giugliano, 10 milioni di euro confiscati ai boss che hanno avvelenato le nostre terre

Nei confronti di sei indagati è stata adottata la misura custodiale in carcere: trattasi dei vertici dei due sodalizi, ritenuti responsabili della devastazione ecosistemica cagionata attraverso lo spregiudicato prelievo dei datteri dalle coste di Napoli e Capri. Per altri sei, è stata invece decisa la custodia domiciliare. Quattro saranno obbligati a presentarsi quotidianamente presso gli uffici della Polizia Giudiziaria e per tre è stato disposto il divieto di dimora. In particolare, due militari, indagati per favoreggiamento e rivelazione di segreto d’ufficio, non potranno dimorare nella Regione Campania. L’ordinanza dispone altresì il sequestro preventivo di tre locali commerciali, siti in Napoli ed in Castellammare di Stabia, ove i datteri venivano occultati e poi immessi in commercio, il sequestro del profitto derivante dalla vendita del prodotto illegale, il sequestro di due natanti utilizzati dagli indagati per recarsi sui punti di prelievo della specie
protetta, nonché, infine, di tutto lo strumentario adoperato per compiere materialmente l’attività.

L’alterazione dell’ecosistema marino e la compromissione della biodiversità, appurata con la collaborazione di un team di esperti di zoologia, ecologia e geologia ambientale di cui si è avvalsa la Procura di Napoli, è particolarmente grave nella porzione sommersa della scogliera esterna che protegge il porto di Napoli e nell’area dei Faraglioni di Capri. Amplissime zone investigate si sono disvelate desertificate, con la scomparsa quasi totale della specie protetta e della biodiversità associata. Sono state disposte complessivamente 19 misure cautelari personali, delle quali 6 di custodia carceraria e 6 di custodia domiciliare.

I nomi

Elenco persone sottoposte a misura cautelare personale Proc. Pen. 8147/2018
Custodia in carcere:
1. AMATO Pasquale, nato a Napoli il 19 settembre 1964;
2. AMATO Pasquale, nato a Napoli il 20 agosto 1965;
3. AMATO Vincenzo, nato a Napoli il 14 dicembre 1970;
4. AVELLA Catello, nato a Castellammare di Stabia (NA) il 2 luglio 1971;
5. VIOLA Elpidio, nato a Castellammare di Stabia (NA) il 06.01.1968;
6. VIOLA Giuseppe, nato a Castellammare di Stabia (NA) il 01.07.1955;

Custodia domiciliare:
7. VIOLA Catello, nato a Vico Equense (NA) il 19.02.1990;
8. DONNARUMMA Luciano, nato a Castellammare di Stabia (NA) il 11.07.1983;
9. AMATO Vincenzo di Mario, nato a Napoli 02.08.1990;
10. AMATO Salvatore, nato a Napoli il 04.11.1964;
11. BUONOCORE Giuseppe, nato a Napoli il 22.09.1946;
12. TESTA Giuseppe, nato a Napoli il 12.03.1984;

Divieto di dimora nella Provincia di Napoli:
13. AMATO Mario, nato a Napoli il 20.12.1968;

Divieto di dimora nella Regione Campania:
14. CILIBERTI Riccardo, nato a Napoli il 21.01.1974;
15. ESPOSITO Angelo, nato a Napoli il 04 agosto 1980;

Obbligo di presentazione alla P.G.:
16. AMATO Vincenzo, nato a Napoli il 21.05.1998;
17. BALDO Francesco, nato ad Aversa (CE) il 07.02.1967;
18. DI SABATO Ciro, nato a Napoli il 21.03.1956;
19. FIUME Gennaro, nato a Napoli il 30.10.1984.

continua a leggere su Teleclubitalia.it