estorsione cantiere casoria

Denuncia il suo estorse e lo fa arrestare, 31enne finisce nel carcere di Secondigliano. Ad Afragola i carabinieri della sezione operativa di Casoria hanno arrestato per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso Marco Antonio Credentino, 31enne di origini venezuelane.

Racket al cantiere

Un uomo travisato ha avvicinato un imprenditore edile del posto e chiesto 2mila euro, destinati a garantire la protezione del cantiere dove stava lavorando. Ha poi riferito che sarebbe passato nei giorni successivi per riscuotere. L’impresario non ha ceduto e ha denunciato tutto ai carabinieri che hanno organizzato un servizio di appostamento.

A raggiungere il cantiere per incassare la somma proprio Credentino, che si presentava come appartenente al gruppo «quelli delle palazzine». Prima che potesse allontanarsi il 31enne è stato bloccato, arrestato e tradotto al carcere di Secondigliano.

continua a leggere su Teleclubitalia.it