Napoli. Francesco Emilio Borrelli è stato aggredito al suo arrivo presso l’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli.

Napoli, il consigliere Borrelli aggredito all’esterno dell’ospedale Pellegrini

Il consigliere regionale di Europa Verde era atteso ieri presso il nosocomio per un flash mob in ricordo di Irina, l’ucraina vittima di femminicidio deceduta nell’ospedale partenopeo. Nella stessa sera i familiari di Ugo Russo, il baby rapinatore ferito mortalmente da un carabiniere fuori servizio, devastarono il nosocomio.

L’aggressore, dopo aver provato a colpire Borrelli, è stato identificato dalle forze dell’ordine presenti sul posto. “Non mi lascerò intimidire dai delinquenti – ha dichiarato Borrelli – e sono giunto qui per ricordare Irina, l’unica vera vittima di quella drammatica notte di un anno fa che non ha ancora avuto giustizia”.

“Per questo stamattina ci siamo ritrovati insieme alla madre accanto alla panchina rossa in suo ricordo per chiedere di conoscere la verità. Basta con l’esaltazione dei camorristi. Dobbiamo sopportare addirittura che in un’edicola votiva dedicata a San Gennaro sia tolta l’immagine del nostro Patrono per mettere quella di un altro baby rapinatore”, ha concluso Borrelli.

continua a leggere su Teleclubitalia.it