c'è posta per te pubblico

E’ ripartito C’è Posta per Te ma sono scattate subito le polemiche sul pubblico, l’assenza di mascherine e distanziamento. Telespettatori hanno notato che tra le persone che componevano il pubblico in studio non sempre sono state rispettate le regole di distanziamento sociale e sui social si sono scatenate polemiche e anche proteste.

Non è passata inosservata la presenza del pubblico in studio e l’assenza di mascherine. Il pubblico sembrava essere non troppo distanziato ma separato dal plexiglass, una soluzione che però alcuni telespettatori non hanno ritenuto prudente.

C’è posta per te: le polemiche sul pubblico

Sui social si sono ovviamente scatenati in centinaia di commenti gli utenti proprio sulla prima puntata. “Comunque due pesi e due misure. A C’è posta per te zero mascherine, zero distanziamento, pubblico appiccicato e vastissimo. Tutto chiuso, gente che non può lavorare ma lì tutto come un anno fa. Possibile che nessuno dica niente?”, ha scritto qualcuno su Twitter. E ancora: “Ma Maria è Free Covid? Perché a C’è posta per te c’è il pubblico senza mascherine? E la Ferilli appiccicata ai signorini in studio senza distanze di sicurezza? Follia pura. Diseducativo!”.

Ieri sera a Che tempo che fa la conduttrice ha spiegato che la trasmissione “è stata registrata in un periodo in cui l’emergenza non era così alta e che tutti vengono sottoposti a tampone e poi isolati, sia chi manda a chiamare che chi viene chiamato”. Il programma è stato infatti registrato tra settembre e ottobre.

Tra gli utenti però c’è anche chi ha difeso la scelta di voler far sembrare tutto “normale” della De Filippi. Gli abbracci fra parenti sono consentiti in quanto considerati congiunti.

continua a leggere su Teleclubitalia.it