La violenta mareggiata che ha colpito ieri sera Napoli porta con se ingenti danni e la disperazione dei ristoratori che dopo le restrizioni per il Covid, adesso devono fare i conti con una nuova emergenza. Questa mattina i gestori e i dipendenti dei locali del lungo mare si sono rimboccati le maniche per ripulire interni ed esterni. Gazebo divelti, piante e arredi completamente spazzati via dalla furia del mare e del vento. Una immagine mai vista prima. Un ingente danno per i ristoratori. 

Ore difficili anche per le forze dell’ordine che da ieri sera si sono adoperati per mettere in sicurezza la zona. Non solo il lungomare, ma la furia del vento ha colpito un altro simbolo di Napoli Port’Alba. Ua tettoia si è staccata dai piani alti ed è caduta in strada, per fortuna non ci sono stati feriti. 

Intanto si attende un ulteriore peggioramento climatico su tutto il territorio. La Protezione civile ha prorogato l’allerta meteo di 24 ore innalzando il livello di criticità da giallo ad arancione. 

continua a leggere su Teleclubitalia.it