Napoli. Ha voluto omaggiare la memoria di suo marito indossando la stessa divisa per cui lui ha creduto fino alla fine. Giuliana Ghidotti, consorte di Lino Apicella, il poliziotto che fu ucciso lo scorso aprile a Napoli nel tentativo di sventare una rapina, ha deciso di entrare in Polizia. 

Napoli, agente ucciso da rapinatori. La moglie entra in Polizia

A dare la notizia è il ministero dell’Interno. Il Questore di Caserta, Antonio Borrelli, infatti, ha spiegato che Giuliana, assieme ad altre 8 persone, sta frequentando un corso riservato ai familiari delle vittime del dovere presso la Scuola allievi di Caserta.

“Il corso – ha spiegato il Questore – è dedicato a persone che portano a vanti con onore la divisa appartenente una volta ai loro parenti”.

Intanto il Comune di Napoli si è costituito parte civile al processo contro gli aggressori. Su indirizzo del sindaco Luigi de Magistris è stata approvata la delibera, a firma dell’Assessore con delega all’avvocatura Monica Buonanno, di costituzione di parte civile dell’Amministrazione comunale nel procedimento penale. L’udienza è prevista per il prossimo 23 dicembre dopo la discussione delle questioni preliminari.

 

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it