Il Governo ha messo a disposizioni nuovi bonus, anche in vista del Natale. Dal bonus cashback di Natale – che prevede un rimborso pari al 10% delle spese effettuate nel mese di dicembre sfruttando i metodi di pagamento digitale – fino all’indennità Covid da 800 euro e da 1.000 euro.

Bonus di Natale, indennità di 800 euro e di 1000 euro: a chi spetta

In particolare, fino al 15 dicembre 2020, grazie al Decreto Ristori quater, sarà possibile richiedere all’INPS e alla società Sportesalute il bonus da 800 e da 1.000 euro.

Per quanto riguarda il bonus 1.000 euro una tantum, è previsto per i lavoratori stagionali, del mondo dello spettacolo e per gli addetti alle consegne. Il bonus da 800 euro, invece, è riservato ai collaboratori sportivi che si trovano al momento senza lavoro a causa del Covid.

Lavoratori dipendenti stagionali

Per i lavoratori dipendenti stagionali che operano all’interno del settore turistico o che si occupano degli stabilimenti termali è necessario soddisfare alcune condizioni per poter beneficiare del bonus Covid da 1.000 euro.

In particolare:

  • Aver cessato involontariamente il rapporto di lavoro in un periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 30 novembre 2020;
  • Aver prestato almeno tre giornate lavorative effettive nel periodo che va dal 1° gennaio 2019 fino al 30 novembre 2020;
  • Non beneficiare di alcun altro aiuto o sostegno quali pensione, indennità di disoccupazione (NASPI) o redditi da lavoro dipendente dal 30 novembre 2020.

Si potranno includere in questa categoria di beneficiari anche i lavoratori interinali che siano in possesso dei requisiti sopra elencati e che operino all’interno del settore turistico o negli stabilimenti termali.

Lavoratori dello spettacolo

Le condizioni che riguardano i lavoratori dello spettacolo sono altrettanto specifiche. Per poter beneficiare del bonus da 1.000 euro previsto dal decreto Ristori quater occorre:

  • Aver versato almeno trenta giorni di contributo nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 30 novembre 2020 al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo e che non siano in possesso di un reddito superiore ai 50.000 euro annui,
  • In alternativa basta aver versato sette giorni di contributi nel medesimo periodo di cui sopra al Fondo pensioni per i lavoratori dello spettacolo, ma non avere un reddito medio annuo superiore ai 35 mila euro.
  • Infine, è necessario al 30 novembre 2020, non risultare titolari di pensione o di alcuna altra forma di reddito da lavoro dipendente.

Lavoratori addetti alle consegne a domicilio

Anche i lavoratori addetti alle consegne a domicilio rientrano tra i beneficiari del bonus Covid da 1.000 euro se in possesso dei seguenti requisiti:

  • Reddito medio annuo del 2019 non superiore a 5 mila euro,
  • Titolari di una partita Iva,
  • Non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie se non alla Gestione separata dell’INPS al 30 novembre 2020,
  • Non titolari, nel momento di presentazione della domanda, di pensione o di altri redditi derivanti da lavoro dipendente.
continua a leggere su Teleclubitalia.it