Sono ventinove i positivi emersi dai tamponi effettuati dal 25 al 30 novembre al campo rom di Secondigliano, tra questi ci sono anche 11 bambini.

Focolaio al campo rom di Secondigliano, 29 positivi

L’Asl Napoli 1 si è subito attivata per effettuare un tampone a tappeto e stamattina ha allestito un punto di screening con un bus dell’Usca e una tenda per effettuare i test.

Gli operatori sanitari dovranno sottoporre al tampone circa 330 ulteriori soggetti residenti nel campo rom per verificare con esattezza il contagio e contenere la diffusione del virus.

Tamponi a tappeto

Alle 13 l’Asl Napoli 1 ha effettuato 110 test sui residenti nel campo rom di Secondigliano e proseguirà l’attività per tutta la giornata fino a coprire l’intera popolazione di 330 abitanti. Lo screening è stato varato dopo una riunione in Prefettura a Napoli. All’incontro hanno partecipato, oltre ai vertici sanitari, anche le forze dell’ordine e l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Napoli Monica Buonanno.

Domani l’esito dei test

Domani è atteso l’esito dei test, poi dovranno partire le iniziative legate alla quantità di positivi: chi ha il virus sarà messo in quarantena o valutato per eventuali ricoveri, e ci sarà anche un sostegno sociale e alimentare a chi sarà confinato nel campo oltre a un’assistenza medica.

continua a leggere su Teleclubitalia.it