dpcm natale ristoranti spostamenti

Spostamenti vietati tra le regioni prima di Natale, coprifuoco alle 22, ristoranti chiusi a Natale e a Capodanno. Il nuovo Dpcm del premier Giuseppe Conte verrà varato ad inizio dicembre e verrà plasmato anche in base al confronto tra governo e regioni.

L’impianto del provvedimento si va delineando e rispetterà la linea della prudenza e il criterio di proporzionalità che ha guidato le misure adottate nelle ultime settimane nel contrasto all’emergenza coronavirus in Italia.

Il divieto di spostamento tra le regioni dovrebbe entrare in vigore qualche giorno prima di Natale. Lo stop non dovrebbe riguardare chi ha la residenza in un’altra regione o chi dovrebbe fare rientro nel proprio domicilio. Nella zona arancione, secondo le regole già in vigore, non è consentito lasciare il proprio comune. Più libertà di movimenti per chi vuole raggiungere la propria seconda casa all’interno della zona gialla prima del blocco.

Per chi andrà all’estero, in particolare per sciare nei paesi che mantengono gli impianti aperti, si profila la quarantena al rientro. Il quadro in realtà è ancora fluido in attesa di un’eventuale linea comune a livello Ue sulla gestione degli impianti sciistici.

Nelle riunioni tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e i capi delegazione della maggioranza è stato delineato il quadro per i ristoranti, che resteranno chiusi il 25 e il 26 dicembre. Per quanto riguarda i negozi, resterebbero aperti fino alle 21 per evitare assembramenti.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it