De Luca ha cambiato idea. Il governatore campano ha firmato stamattina un’ordinanza, con la quale revoca il limite di 20 invitati alle cerimonie. Riformulato, invece, il protocollo di sicurezza che dovrà essere applicato dai gestori delle strutture per ricevimenti.

Distanze

Le distanze che dovranno essere assicurate nei locali sono:
– 1 Mt – distanziamento tra le persone (schiena – schiena);
– 1 Mt – tra i tavoli;
– Ai Tavoli non potranno essere sedute più di 6 commensali per tavolo, con
eccezione per i soli tavoli cui siedano tutti soggetti conviventi;

Le distanze dovranno essere indicate a terra con apposita segnaletica orizzontale.

Cosa è vietato

E’ fatto divieto di ricevimenti a buffet e di cd “mezzo buffet”. E’ fatto obbligo di indossare la mascherina sempre, eccetto quando ci si trovi seduti al proprio tavolo. E’ vietata l’attività del ballo e ogni forma di festeggiamento che determini assembramento. E’ fatto obbligo di preassegnare i posti a sedere.

Cosa si può fare

Si predilige la modalità di servizio al tavolo da parte del personale di sala, dove possibile in luogo all’aperto. Le bevande verranno servite direttamente al tavolo dal personale addetto. Non sono consentite le consumazioni al banco. All’ingresso all’ospite sarà rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di
temperatura > 37,5 °C. Al di fuori dei locali igienici dovranno essere previsti gel sanificanti. I locali igienici dovranno essere sanificati all’inizio di ogni turno di apertura al pubblico e almeno due volte durante l’orario di apertura.

L’ingresso ai locali sarà regolamentato da personale addetto che contingenterà l’accesso evitando assembramenti interni e in corrispondenza dell’ingresso verificando che i clienti
indossino le mascherine. E’ fatto obbligo della nomina, da parte del gestore della struttura sede del ricevimento ovvero della società di catering di due responsabili: unochiamato a rispondere personalmente della attuazione di tutte le misure di sicurezza e di prevenzione del rischio di contagi nelle cucine e in tutte le fasi di preparazione e somministrazione dei cibi, nonché nelle attività dei camerieri e del personale di sala. L’altro, invece, dovrà  rispondere personalmente della osservanza delle norme di distanziamento interpersonale e delle altre norme di sicurezza da parte dei partecipanti al ricevimento.

 



continua a leggere su Teleclubitalia.it