De Luca campania

Oggi ci sono 253 contagi in Campania. La situazione è grave, seria. Se crescono i contagi, chiudo tutto. L’alternativa alla convivenza col virus è chiudere progressivamente attività economiche, locali, bar e locali di ritrovo”. E’ quanto ha dichiarato il governatore della Campania Vincenzo De Luca durante la sua consueta diretta del venerdì. Il Presidente della Regione avanza l’ipotesi di nuovi lockdown e restrizioni e mostra alle telecamere un grafico sulle previsioni dell’epidemia nella regione.

De Luca minaccia lockdown in Campania

“La previsione degli epidemiologi – spiega De Luca – da qui al 21 ottobre è di un incremento di 5000 contagi e arriveremo a 552 ricoveri (+ 180). Ad oggi infatti abbiamo 371 ricoveri di pazienti Covid su una platea di  551 posti letti Covid. Possiamo arrivare a 940 posti letto Covid non gravi, cioè  non terapia intensiva”.

Poi aggiunge con preoccupazione: “Siamo ad una situazione di piena epidemia. L’ondata di cui parlavamo è già in atto e la situazione è delicata, grave, seria. Dobbiamo convivere col Covid fino all’arrivo del vaccino o l’alternativa inevitabile è la progressiva chiusura delle attività economiche, dei locali, dei bar, dei locali di ritrovo e quant’altro“. Sull’obbligo di mascherina varato nelle scorse ore, dice De Luca: “Se la curva del contagio non si stabilizza e scende si aggrava, noi chiuderemo tutto“.

Picco della seconda ondata tra ottobre e novembre

Sempre secondo le previsioni degli epidemiologi al servizio dell’Esecutivo regionale la situazione si aggraverà tra fine ottobre e inizio novembre. In quella fase ci sarà il nuovo picco della seconda ondata, in corrispondenza dell’arrivo dei virus influenzali.De Luca mostra in video la curva di proiezione come fece nello scorso mese di marzo, durante il picco della prima ondata della pandemia. Anche in quel caso come oggi ci sono due possibili andamenti, uno più positivo (meno contagi) e l’altro negativo con un picco esponenziale.



continua a leggere su Teleclubitalia.it