Non frenano i contagi a Salerno e nella sua provincia, dove continuano a emergere nuovi positivi dalla catena di contatti dei casi già accertati nelle ultime settimane.

La città di Salerno arriva così a quota 35, uno nella zona Cappelle\Pellezano e tre a Pisciotta, dove qui si contano 14 infetti legati alla coppia di via Calenda e alla cena a casa di un noto medico salernitano.

Coronavirus a Salerno, i contagi salgono a 35: l’Asl individua 3 cluster

I contagi, purtroppo, non solo solo riconducibili ai cluster individuati dall’Asl al Rione Carmine, ma sono stati riscontrati anche in altre zone della città.

Come riporta Il Mattino, molti dei nuovi positivi sono residenti altrove. Da una positività emersa dalla catena di contatti di uno dei casi già accertati si sono poi aggiunti tre familiari e due amici di quest’ultimo, dando così origine a un nuovo cluster. Dai laboratori del Ruggi e di Eboli, intanto, sono emersi due casi a Salerno città e uno nella zona di Cappelle/Pellezzano.

Qui, qualche giorno fa, si registrò anche il contagio del gestore di un punto vendita di prodotti caseari nella zona orientale. In città i cluster individuati finora dall’Asl sono tre: il primo riguarda il rione Carmine, il secondo una coppia della zona orientale a cui, a loro volta, sarebbero collegati anche i diversi casi rilevati nel comune di Pisciotta, e l’altro mini focolaio interessa il nucleo familiare dell’ufficiale giudiziario.

Altri casi a Salerno interessano un gestore di un punto vendita di prodotti caseari a Mercatello, una coppia della zona Pastena-Torrione, un bengalese e due coniugi di via Calenda, a cui sarebbero legati anche i contagi di Pisciotta.

Per domani il dipartimento di prevenzione dell’Asl di Salerno, d’intesa con il sindaco Liguori, ha disposto una campagna di tamponi che riguarderà le ulteriori persone potenzialmente entrate in contatto dei positivi.



continua a leggere su Teleclubitalia.it