Per domani è atteso l’esodo dal nord verso la Campania. I cittadini che dovrebbero rientrare in terra natia potrebbero essere circa cinquemila persone.

In Campania potrebbero rientrare 5mila persone

In realtà nessuno ha una valutazione precisa di quanti viaggiatori potrebbero far ritorno. Come si legge sul Mattino, le previsioni vengono fatte sulla base del primo esodo, quello della notte fra l’8 e il 9 marzo, alla vigilia della chiusura totale.

In quei giorni dal Nord arrivarono ufficialmente in 2.500 ma in realtà il numero fu doppio. I duemilacinquecento sono quelli che si sono autodenunciati all’arrivo a casa, l’altra metà è quella che ha dribblato i controlli.

Niente aerei, solo treni coinvolti

Da Capodichino, riporta Il Mattino, fanno sapere che per domani non ci sono voli in arrivo da Milano. Quindi, con ogni probabilità, si tornerà a casa con i treni e qualche compagnia di bus.

Riprenderà da domani solo la pugliese Marino Bus che, però, ha già tutti i posti prenotati per una intera settimana sui mezzi che vanno da Milano a Napoli.

Per quel che riguarda il trasporto ferroviario, sono tre le “Frecce” che Trenitalia mette a disposizione da Torino-Milano verso Napoli, due di mattina e una di pomeriggio.

Le norme che i viaggiatori dovranno rispettare

Dai convogli ferroviari dovrebbero scendere in totale cinquecento persone. Tutti i viaggiatori saranno sottoposti a controllo e invitate comunque a “denunciare” il loro rientro alle Asl, come aveva già sottolineato De Luca nell’ultimo video-messaggio.

Ma le “Frecce” non sono le uniche a raggiungere la stazione centrale di Napoli. In particolare dalle stazioni di Roma, sono quasi tutti regionali che entrano in Campania con la prima fermata nel Casertano, a Roccamonfina, oppure ad Aversa.

Alle aziende di trasporto viene imposto, dall’ordinanza regionale, di mettere a disposizione l’elenco di tutti i passeggeri che arrivano in Campania. La disposizione dovrà essere rigorosamente rispettata dalle società di autonoleggio che hanno clienti i quali fittano al Nord un’auto e la consegnano in una città della Campania.



continua a leggere su Teleclubitalia.it