Campania, le vittime da Coronavirus sono 48. Arrivano ventilatori per le terapie intensive

Campania, le vittime da Coronavirus sono 48. Arrivano ventilatori per le terapie intensive

Salgono a 48 le vittime in Campania, soltanto 14 sono state segnalate ieri. Come riporta Il Mattino, si tratta di zia e nipote di Torre del Greco che avrebbero partecipato ad un incontro in una chiesa. E poi, una donna di 69 anni di Portici ricoverata al Loreto Mare, tre anziani al Cotugno: un 86enne di San Giorgio a Cremano, due napoletani di 87 e 79 anni.

I decessi

Non ce l’hanno fatta un 69enne di San Leonardo e un 79enne di Boscotrecase. Altri due al Moscati, uno a Sant’Anastasia, un altro a Casoria e un professore universitario di Maddaloni.

L’addio in solitudine, senza poter rivolgere l’ultimo sguardo ai propri cari è il momento più difficile per tanti familiari. A causa dell’isolamento, non è consentito assistere le persone affette dal virus né celebrare il rito funebre in caso di decesso. Intanto, il bilancio dei contagiati sale nella nostra regione e arriva a quota 1.013 pazienti affetti dal virus.

La bufera sui medici specializzandi

Quattro specializzandi invece finiscono nel mirino, tutti nel capoluogo partenopeo: “Non hanno accettato l’incarico, evidenziando che il trattamento economico riconosciuto è inferiore alla loro aspettativa, che è quella di essere pagati per ogni singola ora”.

A segnalarlo in una lettera riservata è il manager dell’Asl di Napoli, Ciro Verdoliva, che scrive: £Sono molto amareggiato e dispiaciuto che in un momento difficile per il nostro Paese tali lavoratori – che rappresentano con la loro professionalità una categoria indispensabile a vincere la guerra contro il Covid-19 – anziché correre alle armi pongano una questione economica al rialzo£. Un caso portato così all’attenzione del governatore e del prefetto, “per ogni valutazione conseguenziale”.

I ventilatori in Campania

Intanto alla Regione sono stati consegnati 10 ventilatori polmonari che verranno destinati ai reparti di terapia intensiva. Priorità ad Avellino: tre nuove postazioni al Moscati, un’altra all’Asl. I restanti macchinari verranno distribuiti tra gli ospedali di Maddaloni, Caserta, Scafati, Benevento e al Cardarelli.



DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.