Coronavirus e irresponsabili. Nonostante i  divieti di assembramento per fermare il contagio 8 persone banchettavano in un cortile ad Acerra. Sono stati scoperti stasera da poliziotti e vigili. Per loro è scattata denuncia per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità e la quarantena obbligatoria come disposto dall’ordinanza della Regione Campania firmata dal governatore De Luca.

A rendere nota la notizia è stato il sindaco di Acerra. “Incredibile ma vero. Ancora irresponsabilità e gesti superficiali. – scrive Raffaele Lettieri – Gli agenti della Polizia di Stato, con la collaborazione dei nostri vigili urbani e l’ausilio della Protezione civile, hanno appena scovato ben 8 persone che in un portone di corso Resistenza bivaccavano. In questo momento un comportamento del genere significa mettere a rischio la propria vita e quella degli altri.”

“Per loro – aggiunge il primo cittadino acerrano – oltre alla denuncia penale scatta anche l’obbligo di isolamento in casa per 14 giorni. Ora dovranno restare a casa. Irresponsabili!  Mentre molti di voi escono di casa come se nulla fosse, ci sono medici e infermieri che lavorano incessantemente, che stanno preparando i reparti di terapia intesiva per quando, grazie anche ai vostri comportamenti irresponsabili, i malati aumenteranno e la situazione sarà sempre piú pericolosa per tutti.”

“Mentre voi uscite liberamente ci sono uomini della Polizia di Stato, Carabinieri, Finanzieri, Vigili urbani, Vigili del fuoco, volontari della Protezione civile che rischiano la vita per la nostra sicurezza. A queste persone che oggi sono a lavoro in ospedale, per strada, che lavorano per noi, dovete chiedere SCUSA. Denuncia e isolamento in casa”, conclude Lettieri.

continua a leggere su Teleclubitalia.it