Cardito, le ultime parole di Rosario prima del coma: “Voglio donare gli organi”. Salvate sei vite

Cardito, le ultime parole di Rosario prima del coma: “Voglio donare gli organi”. Salvate sei vite

Sarebbero state le sue ultime volontà: “Voglio donare gli organi”. Rosario S., il ragazzino di 14 anni di Cardito stroncato dalla meningite virale, avrebbe confessato il suo desiderio ai genitori prima di entrare in coma.

Cardito, Rosario ha voluto donare gli organi

A rivelare il commovente retroscena è Giovanni De Rosa, il dirigente scolastico dell’Istituto Torrente di Casoria che Rosario frequentava. Il 14enne, prima di perdere del tutto conoscenza, avrebbe annunciato la sua volontà, forse intuendo in cuor suo che avrebbe potuto non farcela. La famiglia così ha autorizzato l’espianto degli organi dalla salma del giovane studente di Cardito. Saranno salvate sei vite grazie al suo bellissimo gesto.

Una giornata in sua memoria

Il dirigente scolastico promuoverà una giornata in ricordo di Rosario. L’istituto Torrente dedicherà infatti un giorno in memoria del 14enne per ricordare il suo gesto e il dolore che ha vissuto. L’intera comunità scolastica è ancora scossa da quanto accaduto. La giornata, oltre ad avere un valore commemorativo, avrà anche un contenuto informativo. Verrà infatti spiegato, con l’ausilio di medici ed esperti, cosa sia una meningite virale e quali sono i rischi che si corrono. Un atto necessario dopo la psicosi da contagio che si è scatenata all’interno dell’istituto tecnico dopo la morte del 14enne.



DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.