nonno orco pedofilo nocera

Nonno pedofilo abusa della nipote di 10 anni e dell’amichetta. La Procura della Repubblica di Nocera Inferiore presenta richiesta di processo in appello. La pubblica accusa, infatti, non ha ritenuto congrua la condanna a 12 anni in primo grado decretata dal tribunale.

Le violenze del nonno pedofilo

La triste vicenda risale a due anni fa. Il nonno, A.R., 70 anni, di Nocera Superiore, abusava della nipotina e l’avrebbe obbligata a subire atti sessuali. In particolare si era mostrato nudo davanti alla vittima e poi l’aveva palpeggiata nelle parti intime durante una cena. Avrebbe allungato le mani sotto il tavolo e le avrebbe infilate negli slip della bimba. Un episodio simile avrebbe riguardato anche l’amica della nipote. La piccola avrebbe subito palpeggiamenti e toccamenti da parte del 70enne. A dare conferma di questa versione anche l’incidente probatorio che si è tenuto nel corso delle indagini preliminari. Le indagini presero avvio dopo le confidenze di una vicina di casa a un assistente del comune di Roccapiemonte.

La condanna

La procura ha presentato appello anche contro l’assoluzione del tribunale per la madre di una delle due minori, giudicata non colpevole dall’accusa di aver saputo di quelle presunte violenze, senza però intervenire a difesa della figlia. Per l’accusa va condannata. Il nonno orco era invece già recidivo: aveva già scontato 8 anni di carcere per aver abusato di un’altra nipotina, la sorella dell’attuale vittima, che all’epoca aveva pochi anni.



continua a leggere su Teleclubitalia.it