Napoli, venditori ambulanti aggrediti a sassate da una babygang: “Atto di bullismo”

Napoli, venditori ambulanti aggrediti a sassate da una babygang: “Atto di bullismo”

Aggrediti a sassate da un gruppo di persone, probabilmente ragazzini, a ridosso del lungomare di Napoli. Vittime due immigrati, entrambi venditori ambulanti, uno di 42 anni e l’altro 39 anni, originari del Bangladesh.

Il 39enne ha avuto la peggio e ha riportato una frattura al volto: ricoverato all’ospedale Cardarelli in prognosi riservata, non è in pericolo di vita. Il 42enne è stato curato per contusioni e dimesso.

Secondo quanto ricostruito dalla Polizia di Stato, il gruppo di aggressori sarebbe stato composto da 5 o 6 persone. L’ assessore ai «diritti di cittadinanza» del Comune di Napoli Laura Marmorale si è recata all’ Ospedale Cardarelli per informarsi delle condizioni del ferito.

L’ immigrato – afferma il Comune di Napoli – «è stato assistito con generi di prima necessità nelle prime ore dai generosi familiari di altri pazienti mentre già in giornata operatori sociali del Comune provvederanno a consegnargli indumenti ed altri generi di conforto». «Non si può affermare con certezza che si sia trattato di un fenomeno di razzismo, ma sicuramente si è trattato di un grave atto di bullismo che si configura sempre come l’aggressione a chi è apertamente più debole o è stigmatizzato come tale»- afferma – il sindaco Luigi De Magistris – ultimamente la propaganda di una certa politica ci consegna i migranti come le figure più marginali della nostra società. Gli saremo vicino in questi giorni anche avvalendoci del supporto dei mediatori linguistici culturali».

Tags

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.