Le condizioni stazionarie di Noemi lasciano con il fiato sospeso la città di Napoli. Attualmente rimane grave la situazione della bambina di 4 anni colpita al torace da un proiettile vagante che le ha trapassato entrambi i polmoni, venerdì scorso a piazza Nazionale. Roberto Saviano, scrittore e coautore della serie tv di successo ‘Gomorra’, ha voluto spendere due parole in merito alla vicenda.

Lo scrittore ha pubblicato pochi minuti fa un lungo post sui social, che ha raccolto centinaia di “mi piace” e condivisioni. “Noemi lotta per sopravvivere, colpita alla schiena da un proiettile a Napoli, città in guerra da sempre. Chi crede in Dio ha la forza della preghiera e chi, come me, non crede somma voce a voce, per moltiplicare la speranza“, ha scritto Saviano.

inlineadv

In guerra non succede mai che le fazioni armate si ammazzino solo tra loro. In guerra nessuno è al sicuro. Ora la vita di Noemi è l’unica preoccupazione, l’unica attenzione suprema da avere. Forza piccola!”, conclude lo scrittore. Non sono di certo mancate le polemiche.

C’è chi, tra gli utenti, attribuisce la colpa a Gomorra per aver offerto un’immagine inesatta di Napoli. Anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, si è scagliato contro la serie tv nel suo ultimo commento su Facebook. Il primo cittadino ha scritto che “dopo otto anni di lavoro senza un attimo di sosta, dopo i risultati eccellenti che la città tutta sta raggiungendo con il suo popolo, interpretando la richiesta assordante dei suoi concittadini, ha il diritto/dovere di chiedere allo Stato di fare di più in quella che forse è l’unica vera funzione che ancora gli spetta in via esclusiva: prevenire il crimine e reprimerlo. In questo modo ci aiutate anche a distruggere il modello drogato, per alcuni vergognosamente vincente, degli eroi (di merda) di Gomorra. Una droga mediatico-comunicativo-artificiale che rischia di corrodere cervello, anima e cuore di centinaia di giovanissimi. Non fate l’errore di sottovalutare questo simbolismo affascinante del male“.

IL POST

related