Gaeta, ammazza di botte il padre: 40enne accusato di omicidio

Gaeta, ammazza di botte il padre: 40enne accusato di omicidio

Prende a botte il padre anziano. La vittima muore due settimane all’ospedale. E’ successo a Gaeta, nel sud pontino. Dovrà adesso rispondere di omicidio aggravato, Ivano Pipola, recluso dal 25 maggio scorso, quando i Carabinieri della Compagnia di Formia lo fermarono nell’abitazione del padre – a Gaeta – dov’era stata segnalata una lite in famiglia. I militari trovarono il genitore, Ciro, di 73 anni riverso nel letto, pieno di botte e in stato di incoscienza e lui, il figlio di 40, in stato confusionale.

Il papà venne portato al “Dono Svizzero” di Formia e poi trasferito a Napoli date le sue gravi condizioni, mentre il quarantenne arrestato e successivamente recluso a Rebibbia per tentato omicidio. Il genitore è mancato due settimane dopo, mentre i militari della tenenza di Gaeta, anche con il supporto di personale del Reparto operativo  di Latina, specializzato in indagini scientifiche e nell’attività di sopralluogo e repertamento sulla scena del crimine, hanno svolto gli ulteriori accertamenti chiesti dal magistrato a seguito del decesso del settantenne.

Visti i risultati, il sostituto procuratore di Cassino ha chiesto e ottenuto la custodia cautelare in carcere per il più grave delitto di omicidio con l’aggravante di aver commesso il fatto nei confronti del padre, notificato oggi dai Carabinieri in carcere.

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.