Diede fuoco alla sua ex compagna che portava in grembo il bambino. Oggi in Appello è arrivata la conferma della condanna a diciotto anni per Paolo Pietropaolo, imputato nel corso del processo sul tentato omicidio della ex compagna Carla Caiazzo a Pozzuoli.

Nessuno sconto, dunque, nonostante l’accorato intervento dell’imputato che aveva chiesto perdono, raccontando una vita in cella all’insegna del buddismo e della rivisitazione del proprio ruolo, chiedendo scusa a Carla, alla figlia, alle famiglie e a tutte le donne. Soddisfazione per i legali della vittima. Adesso per Pietropaolo resta il ricorso in Cassazione. Carla, che subito dopo l’aggressione diede alla luce una bambina e si sta faticosamente riprendendo dopo un lungo calvario di operazioni chirurgiche, si era costituita parte civile ed ha creato anche un’associazione contro la violenza sulle donne.

continua a leggere su Teleclubitalia.it