Video hot della ragazza di Pozzuoli. Ecco l’appello della preside alla studentessa

Video hot della ragazza di Pozzuoli. Ecco l’appello della preside alla studentessa

Pozzuoli. Dopo la denuncia da parte dei genitori della diciannovenne protagonista del nuovo video hard girato col fidanzato e finito sul web e nella gogna, come una replica della triste ed assurda vicenda che due settimane fa ha spinto Tiziana Cantone  a suicidarsi, il fascicolo d’inchiesta, stavolta, non è contro ignoti. Il cerchio, infatti, si stringe e companiono i  nomi dei primi denunciati.

L’attenzione, in questa fase iniziale delle indagini, si concentrano su alcune persone, secondo indiscrezioni tre, forse coloro che hanno commentato e avrebbero, presumibilmente, diffuso il video in questione. La denuncia è scattata per l’accusa di violazione della privacy e diffamazione. Tutto è nato dalla denuncia dei genitori della ragazza che, da quando il video è diventato virale, non esce più di casa.

La sua vita si è paralizzata sotto il peso di una notorietà non voluta e che l’ha esposta a commenti, allusioni, offese sul web. Lei, la nuova vittima del web, non segue neanche le lezioni scolastiche. Da qui la dichiarazione della preside della scuola: “Torna, ti aspettiamo. Il tuo posto è qui, tra i tuoi compagni e le tue compagne. Ti saremo vicini. È un momento, in ogni caso passerà e abbiamo gli strumenti giusti per aiutarti”.

Non ci sono ancora nomi nel registro degli indagati, ma ci si aspetta un’iscrizione a breve. Si cerca di individuare i responsabili della diffusione dei video hot, chi lo avrebbe fatto circolare su Whatsapp e di lì lanciarlo in pasto al mondo della Rete, con condivisioni e commenti diffamatori, che sono serviti a rendere riconoscibile la vittima.

Facebook