Video a luci rosse a Pozzuoli, la ragazza si fa del male e non va più a scuola

Video a luci rosse a Pozzuoli, la ragazza si fa del male e non va più a scuola

Pozzuoli. Si rischia un altro caso alla Tiziana Cantone. La ragazza 19enne protagonista del filmino a luci rosse girato a Pozzuoli sarebbe preda di atti autolesionistici e non starebbe andando più a scuola. A rivelarlo un’amica. Ma se le sue dichiarazioni sono affidabili è tutto da verificare.

Proprio per questo alcuni agenti specializzati, diretti dal vicequestore Pasquale Toscano, sono al lavoro. Le indagini dovranno accertare chi ha messo in circolo il filmino. Un video che riprende un rapporto orale durante il quale il volto della 19enne è perfettamente identificabile e riconoscibile.

Non è peraltro ancora certo se la protagonista del video sia davvero maggiorenne e nemmeno è stato ancora accertato se fosse consapevole di essere ripresa dalla videocamera di un telefonino. Eliminare quelle riprese da Whatsapp sarà estremamente difficile, quanto improbabile.

Si espone invece, il giovane denunciato dalla blogger Selvaggia Lucarelli. Davide Chello, 21 anni, napoletano, è al centro del linciaggio per un commento offensivo sul suo profilo Facebook, legato alla vicenda della ragazza di Pozzuoli: «In poche ore sono diventato famoso in tutta Italia – ha detto Davide al sito Cronaca Flegrea – Ho solo scritto che mi era capitato di vedere quel video e mi ero accorto che era la stessa persona con la quale avevo litigato su Fb. Non ho fatto il suo nome, né la conosco. E adesso, sono io la vittima del cyberbullismo. Mi rivolgerò a uno psicologo e a un avvocato».

LEGGI ANCHE:

Nuovo video hard, la ragazza è una studentessa di Pozzuoli