Succhiotto killer, muore a 17 anni per l’eccessiva “passione”

Succhiotto killer, muore a 17 anni per l’eccessiva “passione”

Città del Messico. Un momento di passione costato la vita a un ragazzo di 17 anni, morto in seguito a un ictus provocato da un banale succhiotto sul collo fattogli dalla fidanzata.

L’adolescente di Città del Messico, Julio Gonzalez Macias, era a tavola con la sua famiglia quando ha cominciato ad avere le convulsioni. Secondo quanto riporta il Daily Mail, la sua ragazza gli aveva lasciato il segno sul collo poche ore prima, e sarebbe stato proprio il succhiotto a creare un coagulo di sangue che ha viaggiato verso il cervello del giovane. L’intervento dei paramedici è stato immediato, ma Julio è morto poco dopo.

La fidanzata, una ragazza di 24 anni, è al momento irreperibile, poiché teme di essere accusata di omicidio dalla famiglia Gonzalez, che la ritiene responsabile della morte del figlio.

Il caso in Messico non è isoltato: già nel 2011 in Nuova Zelanda una donna di 44 anni è rimasta parzialmente paralizzata dopo aver avuto un ictus in circostanze simili. Allora i medici notarono un livido in dissolvenza e un’arteria danneggiata in corrispondenza. In quel caso, il dottor Teddy Wu dichiarò: “A mia conoscenza, è la prima volta che qualcuno viene ricoverato in ospedale per un succhiotto”.

Fonte: Il messaggero