Napoli, parcheggiatore abusivo tiene in “ostaggio” 22enne: arrestato

Napoli, parcheggiatore abusivo tiene in “ostaggio” 22enne: arrestato

Follia a Napoli. Aggredisce e insegue un automobilista 22enne che non vuole pagargli il “parcheggio”. Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Poggioreale hanno arrestato il 48enne pregiudicato del Quartiere Mercato Michele Frattini in quanto ritenuto responsabile del reato di tentata estorsione.

Verso le 11.50 i poliziotti stavano percorrendo via Murialdo quando sono stati fermati da un giovane in evidente stato di agitazione che ha chiesto loro aiuto. Il ragazzo, un 22enne di Poggioreale, ha riferito che poco prima si era recato in Via Galileo Ferraris per ritirare un pacco presso gli uffici di uno spedizioniere.

Giunto sul posto aveva parcheggiato la sua autovettura all’interno di strisce bianche ma nonostante ciò un uomo gli si era avvicinato ed aveva chiesto il pagamento della sua prestazione di parcheggiatore abusivo. Il giovane aveva detto di dover  prima fare una commissione e dopo gli avrebbe dato i soldi. Al rientro in macchina ha però provato ad andarsene, ma Frattini gli ha impedito di proseguire la marcia ponendosi davanti l’autovettura e bloccando il traffico veicolare.

Comprendendo che il giovane non voleva dargli il denaro si è avvicinato al finestrino laterale lato guida ed ha iniziato ad offenderlo e minacciarlo. Il ragazzo impaurito, aprofittando del fatto che la via fosse libera, ha ingranato la marcia e provato ad allontanarsi. Frattini non contento lo ha inseguito e per un bel po’ di strada ha urlato colpendo il cofano dell’autovettura con numerosi pugni terrorizzandolo.

Incontrati i poliziotti, il 22enne ha quindi chiesto aiuto e dopo aver dettagliatamente descritto l’uomo si è con loro recato in Via Galileo Ferraris. Gli agenti hanno quindi fermato il parcheggiatore abusivo e dopo che il ragazzo lo ha riconosciuto senza ombra di dubbio quale autore del reato, lo hanno arrestato.

Michele Frattini, già noto alla Polizia per i suoi precedenti penali, nella mattinata di domani sarà processato con rito direttissimo.