25enne tenta di lanciarsi dal ponte di Bellaria, salvato da due poliziotti eroi

25enne tenta di lanciarsi dal ponte di Bellaria, salvato da due poliziotti eroi

Napoli. Aveva deciso di farla finita, a soli 25 anni. Una storia complicata alle spalle: un padre morto da poco, la madre che sbarca il lunario facendo la lavapiatti e la difficoltà per lui di trovare un lavoro ed aiutarla. Di recente, poi, anche una delusione d’amore. Così questa notte, dopo le ore 3, preso dallo sconforto un giovane di Scampia è salito sul muretto del Ponte di Bellaria, tra Miano e Capodimonte, intenzionato a compiere il gesto estremo. Sotto di lui, circa 50 metri di vuoto nell’area verde del Bosco.

Un passante ha notato la scena, l’ha visto in lacrime, ed ha deciso di allertare il 113. Immediatamente sul posto – come apprende la nostra redazione da testimoni presenti sul posto – è giunta una volante del commissariato di Scampia, impegnati come ogni notte nel servizio di pattugliamento dei quartieri a nord di Napoli. Gli agenti si sono avvicinati al ragazzo, in stato confusionale, ed hanno tentato di dialogare con lui per convincerlo a desistere. Nulla da fare: “Non vi avvicinate”, è stata la risposta. Ha ribadito dunque la sua decisione ed improvvisamente si è lanciato. Uno dei poliziotti l’ha acciuffato al volo, prendendolo per la cintola e restando anche lui sospeso nel vuoto mentre un altro collega li manteneva con il giovane che continuava a dimenarsi: “Fatemi morire”.

Gli agenti però non hanno mollato la presa fino a quando i colleghi di un’altra volante hanno portato tutti in salvo ed hanno bloccato il ragazzo.

Sul posto è intervenuto anche personale del 118 per tutti gli accertamenti. Il giovane è ritornato lucido e si è tranquillizzato all’arrivo della madre, ed ha capito che i poliziotti gli avevano salvato la vita. Ha raccontato la sua storia ed ha abbracciato il poliziotto che poco prima aveva rischiato di precipitare insieme a lui. “Sei il mio eroe”, ha detto quando lo ha abbracciato e baciato tra le lacrime.

Un vero e proprio dramma evitato, dunque, grazie al gesto eroico degli uomini della Polizia di Stato in servizio al commissariato P.S. Scampia ora diretto dal primo dirigente Giovanni Mandato, insediatosi proprio oggi.