Accusato di aver violentato la figlia: 53enne si toglie la vita sul sagrato della chiesa

Accusato di aver violentato la figlia: 53enne si toglie la vita sul sagrato della chiesa

Frosinone. Era accusato di aver abusato della figlia in diverse occasioni. Non ce l’ha fatto e si è tolto la vita sul sagrato della chiesa di San Tommaso a Roccasecca, in provincia di Frosinone. A trovarlo pare sia stato un passante che stava portando il cane a spasso.

L’uomo era stato allontanato da casa sua dal GIP del Tribunale di Cassino proprio per le accuse di violenza nei confronti della figlia 14enne, che le ha rivelate attraverso un tema di italiano dal titolo “Scrivi una lettera a tua madre confessandole ciò che non hai il coraggio di dirle”.

E l’adolescente aveva confessato le violenze subite da parte del padre. La prima volta in un giorno in cui non si era sentita bene ed aveva saltato la scuola. Da quel momento, stando al suo racconto, ogni volta che si trovavano da soli in casa, anche per cinque minuti. Oggi l’uomo non ha più retto il peso della vergogna. Sul posto i carabinieri della compagnia di Pontecorvo e i colleghi della stazione di Roccasecca.