“Da Sapna risulta che l’ipotesi avanzata di ricevere un quantitativo di 150 tonnellate di rifiuti al giorno non ha avuto seguito. Al momento non è in atto alcuna “importazione” di rifiuti”. A dirlo è il Vice Presidente della Regione Campania e assessore all’Ambiente, Fulvio Bonavitacola, rispondendo al Consiglio regionale a un’interrogazione presentata dalla consigliera regionale del M5s, Maria Muscarà.

Rifiuti da Roma, interrogazione in Consiglio regionale: parla Bonavitacola

A fine agosto l’ormai ex sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, aveva annunciato la possibilità di accogliere 150 tonnellate di rifiuti al giorno da Roma da ottobre a dicembre. Il numero due di Palazzo Santa Lucia ha spiegato che la Regione “non ha svolto alcuna funzione autorizzativa perché l’ipotesi che era stata avanza da AMA nei confronti di Sapna riguardava il trattamento a recupero dei rifiuti e non dello smaltimento in discarica”.

Secondo Bonavitacola la disponibilità di deMa a tendere una mano a Roma va collocata “nel contesto storico della campagna elettorale”. Poi il Vice Presidente ha annunciato che la Regione implementerà la funzione degli Stir che “oltre alla banale separazione della frazione secca e umida saranno capaci di biostabilizzare l’umido, in modo da renderlo utilizzabile per interventi di ricomposizione ambientale, e separare alcune frazione merceologiche della parte secca per evitare che vadano al termovalorizzatore”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it