“Stiamo assistendo ad un aumento del prezzo dei carburanti ingiustificato, non esiste motivazione tecnica di questi rialzi. La crescita non è correlata alla realtà dei fatti è una spirale speculativa, su cui guadagnano in pochi”, “una colossale truffa a spese delle imprese e dei cittadini”. Così il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani a Sky Tg 24.

Caro-carburanti, ministro Cingolani: “Aumenti immotivati, è una colossale truffa”

“È necessario stabilire prezzo massimo oltre il quale gli operatori europei non possono andare, è fondamentale. Chiunque esporta gas non può fare i conti senza l’Europa – ha aggiunto – serve un tetto massimo per il prezzo del gas, un costo appetibile da non affossare il mercato; si può discutere intorno ad una cifra di 80 euro megawatt/ora che è già il doppio di quanto pagavamo un anno fa”. Il ministro della Transizione energetica Roberto Cingolani ha sottolineato che se lo fa uno stato da solo è un mercato troppo piccolo; se lo fa la Ue no . “E se fisso il prezzo del gas, fisso anche il prezzo per l’ energia elettrica”.

Leggi anche >> Caro carburanti, diesel e benzina oltre i 2 euro. Dove costa di più in Campania

“L’Italia sta pagando errori storici come paese per non aver diversificato la nostra produzione energetica- ha spiegato Cingolani- i nostri compagni Ue non si sono fermati come noi a gas e a poche rinnovabili. Anche con una spinta ambientalista falsa abbiamo ridotto la produzione di gas nazionale ma abbiamo continuato a consumarne. Ora dobbiamo diversificar e recuperare rapidamente il terreno perduto prendendo gas da altre regioni. Dopodichè serve una misura drastica”, ha detto spiegando che l’Europa sta lavorando a Repower Eu un pacchetto che prevede diverse misure.

continua a leggere su Teleclubitalia.it