Dopo la condanna in primo grado, anche la Corte d’Appello di Napoli ha confermato l’ergastolo per Toni Essobti Badre, l’uomo che uccise di botte il piccolo Giuseppe, figlio della sua compagna, a Cardito nel 2019.

Cardito, bimbo ucciso di botte: ergastolo per mamma e patrigno

Come richiesto lo scorso 10 giugno dal sostituto procuratore di Napoli Anna Grillo al termine della requisitoria, l’ergastolo è arrivato anche per Valentina Casa, madre del bambino, che in primo grado era stata invece condannata a sei anni di carcere. 

A determinare l’aggravamento della misura detentiva per la donna è stato il suo comportamento assunto durante l’aggressione: Valentina Casa non ha impedito le violenze né su Giuseppe né sulla sorellina, attardandosi anche a lanciare l’allarme e ad allertare i soccorsi.

continua a leggere su Teleclubitalia.it