villaricca camorra sciolto comune

Dopo Marano, anche il comune di Villaricca sciolto per infiltrazioni mafiose dal comune di Villaricca. A deciderlo con decreto il Consiglio dei Ministri nella giornata di ieri.

Villaricca, sciolto il comune per camorra

Il Cdm ha deliberato il contestuale affidamento della gestione del Comune a una commissione straordinaria. Gli ispettori della Prefettura hanno indagato sulle possibili inflitrazioni della criminalità organizzata nei gangli dell’amministrazione comunale per sei mesi.

La relazione redatta è stata inoltrata alla Prefettura e trasmessa al Consiglio dei Ministri. Da qui la decisione dello scioglimento. Torna a casa anzitempo Maria Rosaria Punzo, sindaco di centrsonistra, eletta nel 2016. Alla guida della città ci saranno tre commissari straordinari.

Il comune non parteciperà al rinnovo del consiglio comunale previsto per il prossimo mese di ottobre. Poco più di un mese fa fu sciolto per camorra anche il limitrofo comune di Marano, per la quarta volta nella sua storia.

Le dichiarazioni di Maria Rosaria Punzo

A commentare la decisione del Governo la sindaca uscente con un lungo post su Facebook. “Una notizia che non avrei mai voluto dare e soprattutto che mi lascia l’amaro in bocca per diversi motivi. Sono molto dispiaciuta innanzitutto per la mia città, per la nostra città, che, a mio avviso, non merita un’etichetta del genere – ha scritto la Punzo -. Ho costruito la mia vita, i miei studi ed anche la mia carriera professionale e politica su valori e principi sani”.

Poi conclude: “Attenderò di leggere le motivazioni che hanno indotto il Consiglio dei Ministri ad assumere questa decisione prima di entrare nel merito delle singole questioni che saranno sollevate. Torno a casa con la coscienza a posto sapendo di aver dato tutto per questa comunità e di aver cercato sempre di operare nel rispetto della legalità e della tutela del bene comune”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it