Napoli non è una città per i giovani, ma soprattutto per i bambini. Lo ho stabilito la nuova classifica della “Qualità della vita declinata”, per i tre target generazionali –  bambini, giovani e anziani – pubblicata da Il Sole 24 Ore.

Qualità della vita di bambini e giovani, Napoli è la città meno vivibile d’Italia: la classifica

Sono 12 i parametri presi in esame per misurare la vivibilità dei territori per bambini, giovani e anziani. Ad ogni parametro è stato poi assegnato un punteggio per ciascuna provincia da 0-1000. E la classifica finale è il risultato della media dei punteggi conseguiti.

Non migliora la situazione dei giovani a Napoli e province, per quanto riguarda la fascia d’età 18-35 anni, che si posizionano al 103esime.  Ad influire sul dato negativo l’alto tasso di disoccupazione giovanile nella fascia di età 25-29 anni.

Il capoluogo partenopeo è all’ultimo posto (107esima) per quanto riguarda il benessere dei bambini. Penultima Caserta. In vetta Cagliari, Prato e Udine.

La città nella quale vivono meglio gli anziani è Trento, seguita da Ravenna e Bolzano. Napoli è invece al 71esimo posto.

continua a leggere su Teleclubitalia.it