Torre Annunziata. Duro colpo inferto al “Quarto Sistema”, in aperto e dichiarato contrasto con i clan storicamente egemoni sul territorio di Torre Annunziata (Clan Gionta e Gallo Cavalieri). In manette sono finiti 12 persone, gravemente indiziate, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, danneggiamento, porto e detenzione di materiale esplodente.

Torre Annunziata, duro colpo inferto al “Quarto sistema”

Stamattina personale della Squadra Mobile della Questura di Napoli, Carabinieri del Gruppo e del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata , agenti del Commissariato della Polizia di Stato di Torre Annunziata  hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su  richiesta della locale Procura della Repubblica, Direzione distrettuale Antimafia, nei confronti degli indagati.

Le indagini

Le indagini hanno avuto inizio lo scorso 12 febbraio a seguito di alcuni episodi di esplosione di colpi d’arma da fuoco in Torre Annunziata e Boscoreale verso le porte delle abitazione di alcuni pregiudicati ed in Piazza Giovanni XXIII a Torre Annunziata.

In quelle circostanze nessuna  segnalazione dei fatti in argomento era giunta alle Forze di Polizia ma la notizia veniva acquisita dal locale Commissariato di P.S. nell’ambito di una prima attività investigativa che ha consentito  di apprendere che vi era uno scontro in atto tra un gruppo di giovanissimi legati al clan Gionta ed esponenti del cosiddetto gruppo del Penniniello, composto da pregiudicati tutti residenti nell’omonimo quartiere di Torre Annunziata.

Successivamente, gli agenti hanno intensificato le indagini a seguito del ferimento, avvenuto lo scorso 24 marzo, del pregiudicato Alfonso Scoppetta, cugino di Domenico Balzano, leader del sodalizio criminale.

Le sinergiche attività investigative, condotte dal Commissariato di Polizia e dal Nucleo Investigativo di Torre Annunziata, coordinate dalla Procura della Repubblica – DDA di Napoli, hanno consentito la rapida acquisizione di importanti elementi probatori utili ad individuare l’esistenza e la composizione di un sodalizio criminale che ha l’obiettivo principale di acquisire l’egemonia nelle attività estorsive condotte ai danni di imprenditori operanti sul territorio.

In tale contesto, tra l’altro, è attribuibile al gruppo sopra indicato anche l’attentato con esplosione di una bomba carta ai danni della rivendita di autovetture “AD Cars” avvenuto  lo scorso 5 giugno.

Gli arresti

DESTINATARI MISURA CAUTELARE

1.    BALZANO Domenico nato a Torre Annunziata il 23.06.1989
2.    ANZALONE Vincenzo nato a Torre Annunziata il 27.12.1964
3.    BALZANO Crescenzo nato a Torre Annunziata il 07.06.1973
4.    BALZANO Salvatore nato a Torre Annunziata il 21.04.1977
5.    CHERILLO Luca nato a Torre Annunziata il 28.08.1989
6.    DE SIMONE Alessio Pio nato a Torre Annunziata il 27.08.2001
7.    EVACUO Pietro nato a Torre Annunziata il 03.03.1987
8.    FRATERNO Matteo, nato a Torre Annunziata il 9.12.1996
9.    GUIDA Luigi nato a Pompei il 04.11.1997
10. SCARPA Natalino, nato a Castellammare di Stabia il 25.12.1993
11. VILLANI Antonio nato a Torre Annunziata il 08.08.1978

Agli AA.DD.

12. LOSCO Giuseppe nato a Torre Annunziata il 15.09.1966

 



continua a leggere su Teleclubitalia.it