L’unico sintomo che ha accusato il patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis, è un fastidioso mal di stomaco, che aveva attribuito a delle ostriche mangiate il giorno prima. E’ invece proprio quello è stato un campanello d’allarme: il Presidente degli azzurri è positivo al Covid-19.

De Laurentiis positivo al coronavirus: sintomo “insolito” già ieri

Nonostante non si sentisse bene, ha partecipato comunque all’assemblea in Lega. Non avrebbe indossato sempre la mascherina di protezione ed è venuto in contatto con altre persone. Con ogni probabilità ora tutti i presidenti e dirigenti degli altri 19 club dovranno sottoporsi alla profilassi obbligatoria ed eventualmente entrare in quarantena.

Il presidente, fanno notare le fonti azzurre, è molto attento alle proprie condizioni fisiche e se avesse avvertito altri sintomi più gravi riconducibili al Covid-19 non avrebbe mai intrapreso un viaggio in nave e aereo da Capri a Milano e ritorno nella stessa giornata come invece ha fatto. In realtà senso di nausea, vomito, diarrea o dolori gastrointestinali sono tra i sintomi meno frequenti del coronavirus, di solito associato all’insorgere di mal di gola, tosse o febbre.

I sintomi meno comuni del coronavirus

E invece uno studio cinese multicentrico/trasversale ha infatti dimostrato che il 50% dei pazienti presi in oggetto ha manifestato sintomi come nausea, diarrea, dolore addominale. Inoltre, l’RNA SARS-CoV-2 può essere presente anche in campioni di feci, suscitando il sospetto che il tratto gastrointestinale sia un sito aggiuntivo di replicazione virale. Tra gli altri sintomi meno comuni anche l’alterazione o la perdita del gusto e dell’olfatto, oppure spossatezza fisica senza febbre.

Proprio la particolarità del malessere manifestato dal patron azzurro ha tratto in inganno anche lui. Il giorno prima aveva infatti mangiato del pesce e aveva così giustificato il senso di nausea e di stanchezza a un’indigestione. Quando ha deciso di sottoporsi a tampone l’amara verità: è positivo al Covid-19.

Dalla Lega fanno sapere che in Assemblea durante i lavori non era obbligatorio indossare la mascherina perché “sono stati rispettati tutti i protocolli anti-covid e il distanziamento sociale”, con i protagonisti seduti ad un metro e mezzo di distanza l’uno dall’altro. La Lega ha segnalato alle autorità la positività e si procederà ora a valutare chi è entrato in contatto stretto con il presidente De Laurentiis, per un eventuale tampone.



continua a leggere su Teleclubitalia.it